logo MyPortal
Inizio pagina Salta ai contenuti

Fiesso Umbertiano Sito ufficiale del Comune

Provincia di Rovigo - Regione del Veneto.


Contenuto

Calendario

Calendario eventi
« Marzo  2019 »
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31
             

Animali

Dove rivolgersi

Polizia Locale
Telefono  +39 0425 741300
Responsabile  dott.ssa Sonia Bertolini
Fax  +39 0425 741310
Email  vigili@comunefiessoro.it

Denuncia di possesso di esemplari di specie esotiche invasive

Le "Specie esotiche invasive" costituiscono una delle principali causa di perdita di biodiversità, con gravi ripercussioni agli ecosistemi naturali ed ingenti danni economici. Si tratta delle specie di animali e di piante originarie di altre regioni geografiche (volontariamente o accidentalmente introdotte sul territorio nazionale), che hanno sviluppato la capacità di costituire e mantenere popolazioni vitali allo stato selvatico e che si insediano talmente bene da rappresentare una vera e propria minaccia.
Per contrastare questo fenomeno il 14 febbraio 2018 è entrato in vigore il Decreto Legislativo n. 230 del 15 dicembre 2017, pubblicato in G.U. il 30 gennaio 2018.
Il Decreto stabilisce che chi detiene uno o più esemplari di specie esotiche inclusi negli elenchi delle specie esotiche invasive di rilevanza unionale o nazionale è tenuto a farne denuncia al Ministero dell'Ambiente e della tutela del territorio e del mare entro i termini previsti dall'articolo 26 del decreto.
E’ possibile continuare a detenere specie esotiche invasive come animali da compagnia, a condizione di:
- fare denuncia del possesso dell’esemplare;
- custodire l’esemplare in modo che non sia possibile la sua fuga o il rilascio nell’ambiente naturale;
- impedirne la riproduzione.

La denuncia di possesso deve avvenire inviando l’apposito modulo di denuncia (o di tutte le informazioni in esso contenute) tramite PEC (all’indirizzo: pnm-II@pec.minambiente.it), raccomandata con ricevuta di ritorno (all’indirizzo: Ministero dell’Ambiente, Direzione Protezione Natura, Divisione II, Via Cristoforo Colombo n. 44 - 00147 – Roma), oppure fax (al numero: 06-57223468). La ricevuta di PEC, fax o raccomandata accerterà l’avvenuta denuncia.
Alla denuncia di possesso deve essere allegata una copia del documento di identità.

Per ogni chiarimento in merito rivolgersi all'Ufficio di Polizia Locale del Comune di Fiesso Umbertiano.


Decreto Legislativo n. 230 del 15 dicembre 2017

Lista di specie esotiche invasive di rilevanza unionale di cui al Regolamento UE 1143/2014, presenti in Italia.

Regolamento U.E. n.1143/2014 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 22 ottobre 2014

Modulo per la denuncia

 


Per saperne di più:

Chi possiede una testuggine palustre americana Trachemys scripta (scripta o elegans) entro il 14 agosto 2018 si deve formalmente comunicare al Ministero dell'Ambiente il possesso dell'animale ed impegnarsi a una serie di condizioni come il divieto di riproduzione, trasporto, acquisto, vendita, scambio, rilascio e allevamento di tali animali.
Se l'esemplare vive fuori casa in un laghetto esterno, devono essere adottate tutte le misure possibili per impedirne la fuga e la riproduzione.
Le ragioni di questo provvedimento è il tentativo di proteggere la nostra biodiversità dall'arrivo di specie invasive introdotte nei nostri ecosistemi dal rilascio in libertà degli esemplari che a partire dagli anni '60 del secolo scorso erano di libera vendita nei negozi di animali. Si acquistavano molto piccole, non considerando che sarebbero cresciute molto.
"La stragrande maggioranza di queste tartarughine neonate moriva nei primi mesi dall'acquisto a causa di condizioni di vita inadeguate, cibo errato, incuria, maltrattamenti etc. Le poche che riuscirono a farcela tuttavia diventarono grandi nel giro di pochi anni. Il record di lunghezza del carapace per una Trachemys scripta elegans è di 28,9 cm, una dimensione notevole che richiede un apposito terracquario lungo minimo un metro o un laghetto esterno. Dato che non tutti possono permettersi di ospitare una creatura grande, longeva, mordace e neanche particolarmente simpatica o affezionata ai suoi umani, la soluzione di molti fu di "ridarle la libertà, un poco sottile eufemismo che significava "abbandonarla un po' dove capita", dai parchi cittadini ai boschi più remoti". (National geographic - I giorni della tartaruga aliena).
Alcune morirono, altre, considerando il clima mite dell'Italia e dell'Europa meridionale, riuscirono a sopravvivere e a riprodursi, dando così inizio ad una vera e propria invasione: infatti il problema principale è che le trachemys scripta vanno in competizione con l'unica specie palustre europea, la più piccola e meno variopinta testuggine palustre la "Emy orbicularis"... "Una bestia che, come le cugine americane del resto, nessuno si sarebbe mai sognato di tenere in casa in una vaschetta con una palma di plastica se non fosse stato per la forza del marketing americano, ma la cui presenza nelle nostre acque interne è importante per il mantenimento degli equilibri delle catene trofiche. L'impatto dei cambiamenti ambientali, ad esempio la bonifica delle paludi e la presenza del competitore alloctono, sono stati tali da portare la nostra testuggine sull'orlo dell'estinzione locale in molte zone d'Italia". (National geographic - I giorni della tartaruga aliena).

Si confida quindi nel senso etico di ogni possessore di esemplari di quelle specie, che sono diventate invasive, impedendone la loro diffusione sul nostro territorio, al fine di evitare ulteriore danni ai nostri ecosistemi, così già duramente provati.

 

Data aggiornamento scheda

23/07/2018
Via Verdi, 230 - 45024 Fiesso Umbertiano (RO)
P.IVA 00197230295
tel. 0425 - 741300 PEC: info@pec.comunefiessoro.it